Home » Case Legno-Sistema Costruttivo » Case Prefabbricate in Legno - Sistema Costruttivo a Telaio - Platform Frame

Case Prefabbricate in Legno - Sistema Costruttivo a Telaio - Platform Frame

Case Prefabbricate in Legno - Sistema  Costruttivo a Telaio -  Platform Frame - Case Prefabbricate in Legno

Il sistema costruttivo più diffuso al mondo

Il “PLATFORM FRAME” è il sistema costruttivo più diffuso al mondo ! La costruzione procede per piani. I telai del primo piano vengono fissati al basamento, dopo di che viene realizzato il primo solaio. A questo punto si procede fissando a esso il telaio del secondo piano e così via. I pannelli, sia interni che esterni e l’isolamento, vengono posti in opera in cantiere. Le fondazioni sono generalmente realizzate con platea in cemento armato, oppure con piani interrati composti da setti in cemento armato La struttura in legno, dal piano terra in poi, ha di solito queste caratteristiche: le pareti esterne e quelle interne resistenti a taglio sono costituite da telai portanti composti da montanti in legno di abete bianco o rosso di prima qualità opportunamente selezionato, essiccato e piallato di sezione 45x150 mm, posti verticalmente a interasse di circa  45-50 cm,  collegati al piede e in sommità con opportune piastre metalliche con travi di identica base e opportuna altezza; questi telai sono poi irrigiditi e controventati con traversi in massello 45 x 150 mm (dettaglio importantissimo che alla concorrenza manca in assoluto) placcati all’esterno e all’interno con specifiche pannellature  in OSB3 (Oriented Strand Board conglomerato di legno ad alta densità e resistenza, largamente impiegato per le costruzioni abitative )  dello spessore minimo di 18 mm; gli elementi così composti vengono assemblati fra loro in maniera da ottenere il controventamento necessario; l’assemblaggio tra travi , montanti e pannelli è realizzato tramite chiodi o viti posti a un opportuno interasse. La congiunzione fra le varie pareti e l' ancoraggio alla fondazione avviene tramite elementi in acciaio ,viti , staffe e bullonature in acciaio zincato sulla base di specifici calcoli statici, in modo da garantire la massima garanzia statica nei confronti delle sollecitazioni sismiche, dei carichi da vento e neve e di tutti i carichi e sovraccarichi proposti dalle normative in vigore.
Le Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni del 14/01/2008, nella parte riferita alle strutture in legno assegna ai pannelli di parete intelaiata la classe di duttilità A e un fattore di struttura pari a 5, mentre assegna ai pannelli di parete incollati ( xlam) la classe di duttilità B ed il fattore di struttura 2, con evidente vantaggio nell’utilizzo della soluzione a telaio.Naturalmente A è la duttilità massima. Il punteggio va da 1 a 5 e 5 è il voto più alto.Quindi le pareti a strati incrociati ( xlam ) nella valutazione sismica, sono meno performanti rispetto al sistema a telaio. Il sistema a telaio viene considerato dalla normativa molto più duttile e con capacità dissipative molto migliori rispetto al XLAM

19/10/2016