La bioedilizia si occupa anche della progettazione del giardino di una casa, per mantenere al 100% il suo progetto di sostenibilità. Infatti il cortile, luogo dove si consuma tanta acqua e dove solitamente si mettono le piante, non deve essere lasciato al caso, ma avere un’organizzazione tale che tutta l’abitazione ne tragga beneficio in termini di consumi e di ecologia.

Un giardino progettato da zero

Saper organizzare e creare da zero il cortile domestico è sicuramente interessante per coloro che vogliono una zona verde ben curata e al contempo molto funzionale. Infatti la presenza di un’area verde appena fuori casa è un toccasana per l’umore e per la salute, perché alberi e pianti puliscono l’aria e abbassano il rischio di malattie o malori fisici. Sapevate, infatti, che con mezzora al giorno si abbassa il rischio di ipertensione?

Quindi il giardino è indubbiamente una presenza vantaggiosa e benefica nella nostra vita, ma diventa utile per ripararsi dal sole, al fresco nelle afose giornate estive, o ancora per stare lontani dalle intemperie.

Iniziamo quindi a vedere come si progetta da zero un giardino, e come organizzarlo bene a seconda delle vostre necessità. In particolare vedremo come avere un cortile moderno, che sia comodo, bello ma anche utile e funzionale per la casa.

Ma prima di procedere, vogliamo rispondere ad una domanda che qualcuno potrebbe chiedersi in questo momento: perché progettare da zero un giardino? Vediamo subito. Infatti, al di là dei benefici appena descritti, c’è anche la riduzione dell’inquinamento.

Infatti l’allestimento di piante e alberi intorno alla vostra casa farà diminuire la quantità di polveri sottili attualmente presenti nell’aria circostante la vostra abitazione, pulendo l’aria e soprattutto migliorando – nonché aumentando – l’ossigenazione.

Una zona green intorno alla casa è poi utile per la gestione delle zone d’ombra dell’abitazione, per delimitare bene i confini e anche per avere un prolungamento dell’ambiente di casa, sia d’estate che d’inverno.

Tornando alla progettazione, se volete farlo da soli iniziamo informandovi che ci sono tanti fattori che dovete per forza considerare nell’organizzazione. Il consiglio è sempre quello di consultare un esperto, in modo da chiarire tutti i dubbi. Ma comunque, ora andiamo ad elencare tutti quei fattori e quelle informazioni che dovete sapere per essere sicuri di stare facendo la cosa giusta:

  • Dovrete rispettare il luogo e l’ambiente.
  • Dovete poi scegliere la vegetazione che più vi piace, e che vi sia più funzionale.
  • Dovete scegliere sicuramente degli arredi sostenibili, belli, comodi e che si integrino bene con l’ambiente che state andando a creare.

Appurato ciò, andiamo a vedere tutte le fasi della progettazione di un giardino.

Tutti i passaggi della progettazione del giardino

Per iniziare a progettare il giardino dovete sicuramente avere bene in mente alcuni step importantissimi, senza i quali non verrebbe fuori un bel risultato. Prima di tutto dovete capire quali sono gli obiettivi del giardino. Nel senso: che cosa volete ottenere dal vostro cortile personale?

Per la maggior parte delle persone, questo vuol dire mettere in pratica tante e diverse idee. Una cosa che non è prettamente sbagliata, ma che spesso porta fuori strada procurando un esborso molto più grande del previsto sia in termini di tempo che di denaro.

Per evitare questi grandi sbattimenti, diventa utile la domanda sull’obiettivo che il cortile deve avere. Per alcuni il giardino deve necessariamente una zona per rilassarsi, per magari praticare qualche sport oppure per dilettarsi nella coltivazione di piante da orto o piante da frutto.

Per altri deve essere una zona soprattutto estiva, per pranzare e cenare all’aperto, per leggere o anche per costruirci una piscina. Qualunque sia il vostro obiettivo, abbiatelo ben chiaro nella vostra mente e soprattutto mettetelo in rapporto allo spazio di cui disponete perché così capirete subito come agire al meglio nel rispetto del luogo e dell’ambiente.

Come accennato in precedenza, infatti, bisogna rispettare tutti gli spazi e il luogo. Questo significa non tenere conto solamente dell’aspetto esteriore, ma anche della funzionalità, un aspetto ancor più importante nel momento della progettazione. Fatto che rende fondamentale organizzare il giardino considerando l’equilibrio vigente tra tutti gli spazi.

In particolare, un aspetto molto importante è la fisionomia del paesaggio del giardino della casa, di cui bisogna tenere conto anche e soprattutto quando poi si vanno a scegliere le piante e gli arredi.

Per quanto riguarda gli spazi, per averne pieno rispetto bisogna avere considerazione della loro uniformità, della loro proporzione e delle loro linee. Andiamo con ordine:

  • Con uniformità si intende il tipo di coltivazioni utilizzate, che non devono essere molto diverse tra di loro.
  • Con proporzione ci si riferisce alle dimensioni del vostro giardino, che vanno sempre e necessariamente rispettate per mantenere l’armonia. Questo significa non scegliere piante né troppo grandi né troppo piccole in relazione allo spazio di cui disponete.
  • Con linee si intendono le linee geometriche, che tradizionalmente nel giardino si rappresentano con delle bordure e/o dei sentieri che vanno a spezzare e guidare lo sguardo nello spazio. In questo caso le piante giocano un ruolo di primo piano: gli alberi a sviluppo orizzontale creano equilibrio e tranquillità, quelli a sviluppo verticale danno l’impressione di dinamismo.

A seconda dell’obiettivo che vi siete prefissati per il vostro cortile, dovrete certamente impegnarvi a disegnare l’ambiente capendo quanto spazio dare al verde e quanto al pavimento e agli arredi, ricordandovi sempre delle leggi non scritte degli equilibri.

Per esempio, i fiori alleggeriscono l’ambiente, la pavimentazione e i bordi danno carattere. Con la giusta combinazione dei due aspetti, l’aspetto del giardino sarà ben proporzionato e impeccabile.

Scegliere le piante

Ovviamente – è una cosa scontata! – nella progettazione del giardino rientra anche la scelta di quali piante inserirci. Una scelta che prima di tutto deve essere orientata al gusto personale, con però degli accorgimenti che potremmo definire “tecnici”.

Con questo vogliamo dire che è molto importante rispettare e considerare l’esposizione solare, perché in questo modo sceglierete una vegetazione che meglio si adatta al clima della vostra zona geografica.

Per quanto riguarda l’irrigazione, qui la scelta deve essere orientata al risparmio (d’acqua e, di conseguenza, di denaro) e alla salvaguardia ambientale. In tal senso si consiglia caldamente di installare un impianto di recupero di acqua piovana, utilissima per irrigare le piante e per non andare a sprecare acqua corrente.

Come abbiamo detto nel paragrafo appena sopra, bisogna considerare una certa uniformità di vegetazione, considerandone anche le proporzioni e le linee geometriche. Ricordate che le piante hanno anche una sorta di funzione che potremmo chiamare protettiva.

Infatti potete sempre tracciare i confini del vostro giardino con le siepi o con le dune, per tenere lontani sguardi curiosi e indiscreti, insieme a rumore e vento. Una siepe va sempre mantenuta in ordine e curata, lasciata quindi alla giusta altezza senza però rinunciare al divertimento, creando un gioco di proporzioni.

Una siepe troppo alta potrebbe far sembrare l’ambiente chiuso e claustrofobico, al contrario troppo bassa perderebbe la connotazione per cui l’avete scelta. Regolatevi sempre tenendo conto dell’esposizione solare, e delle ombre di eventuali edifici o alberi nelle vicinanze, che magari rendono il vostro ambiente più cupo.

Scegliere gli arredi

Arriviamo alla fine, con la scelta degli arredi, un elemento del cortile che unisce estetica e pragmaticità, e che ricoprono un ruolo certamente importante. Infatti un arredamento comodo permette di sfruttare e godersi al meglio il vostro giardino.

Vediamo alcuni accorgimenti che faranno la differenza nella vostra scelta:

  • I colori, la cui coordinazione e relazione all’ambiente è fondamentale per creare una cera armonia. Se avete piante dai colori vivaci, scelta saggia è comprare arredi neutri in modo che l’ambiente non sia estremamente vivace e quindi pesante.
  • La comodità. Prima di comprarli provateli sempre, per provare la loro comodità. Un giardino confortevole è l’ideale per rilassarsi nel tempo libero. Se per esempio volete delle sedie in legno, assicuratevi che si adattino bene al vostro fisico: se vedete che sono scomode, lasciate perdere.
  • La qualità: investite un po’ di più per far sì che il vostro giardino duri di più, risparmiando poi sulle spese di manutenzione o sul dover presto cambiare arredamento.